• Home
  • Archive by category "News"

FASI: OPPORTUNITA PER I MIGRANTI REGOLARI

Paolo Tancredi
Coordinatore Operativo Progetto F.A.S.I.

Cosa ha a che fare il Microcredito con il PON legalità? Cosa c’entra l’autoimprenditoria con l’integrazione della popolazione immigrata? Sono queste le domande che ci siamo sentiti fare dagli interlocutori che si approcciavano per la prima volta al progetto F.A.S.I.(Formazione, Autoimprenditoria e Start-up per Immigrati regolari) che, grazie a una brillante intuizione dell’Ente Nazionale per il Microcredito sposata dal Ministero Degli Interni, si avvale, appunto, dei fondi del PON legalità 2014-2020. La risposta a queste domande sta al centro dell’analisi dei bisogni a cui il progetto vuole rispondere.

Continua a leggere su rivista.microcredito.gov.it

Presentazione progetto F.A.S.I. – “Promuovere per Integrare”

“PROMUOVERE E INTEGRARE”

 IL PRESIDENTE DELLA CEI, CARDINALE GUALTIERO BASSETTI

 E IL MINISTRO DELL’INTERNO, LUCIANA LAMORGESE

 SALA KOCH DI PALAZZO MADAMA

“FASI” (FORMAZIONE, AUTO – IMPRENDITORIA E START-UP PER IMMIGRATI REGOLARI)”:  PROGETTO DELL’ENTE NAZIONALE PER IL MICROCREDITO

 “MIGRANTI E APPARTENENZA RELIGIOSA”: RICERCA DELL’UNIVERSITA’ CATTOLICA DEL SACRO CUORE

 

 

COLLEGATI PER VISUALIZZARE LA RASSEGNA STAMPA

“Promuovere e integrare”: il binomio che scandisce gli appelli del Pontefice alla Comunità Internazionale, in tema di politiche migratorie, dà il titolo all’incontro promosso dall’Ente Nazionale del Microcredito, domani alle 17, nella Sala Koch di Palazzo Madama, con l’intervento come relatori del Presidente della Conferenza Episcopale, Cardinale Gualtiero Bassetti, e del Ministro dell’Interno, Prefetto Luciana Lamorgese, alla presenza di membri del Governo e parlamentari, diplomatici ed ecclesiastici.

 

L’occasione è offerta dalla presentazione del Progetto FASI (esperienza concreta e innovativa di formazione, auto – imprenditoria e start – up per 3000 immigrati regolari delle regioni meridionali), illustrata dal Presidente dell’Ente, Mario Baccini, e attuata per conto del Ministero dell’Interno, nella cornice di un programma europeo.

 

Contestualmente il Rettore dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, Prof. Franco Anelli, esporrà in anteprima i risultati della ricerca “Migranti e appartenenza religiosa”: uno studio inedito e multidisciplinare che l’Ateneo ha condotto nell’arco di tre anni, foriero di nuovi approcci alla governance dei fenomeni migratori.

 

Modererà il vaticanista Piero Schiavazzi.

22 GENNAIO 2020 ORE 17.00
SALA KOCH PALAZZO MADAMA
PIAZZA SAN LUIGI DE’ FRANCESI, 9
ROMA

L’evento potrà essere seguito collegandosi alla diretta streaming che sarà effettuata sul canale YouTube (link: https://youtu.be/qC2mSDLQAxM) e la webtv (link: http://webtv.senato.it/webtv_live?canale=webtv3)

Prorogato al 31 marzo 2020 l’Avviso pubblico del Progetto F.A.S.I. Già 105 i soggetti attuatori candidati e ritenuti idonei, 2556 le profilazioni acquisite nelle regioni target.

È stato prorogato al 31 marzo 2020 l’Avviso Pubblico del Progetto F.A.S.I. per l’individuazione dei soggetti attuatori che si occuperanno, con particolare specificità, della realizzazione di percorsi formativi volti a consentire ai destinatari, cioè gli immigrati regolarmente presenti sul territorio delle Regioni Meno Sviluppate (Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia) di migliorare le conoscenze di base, le competenze economiche e gli elementi fondamentali di educazione imprenditoriale. La formazione sarà rivolta anche all’acquisizione, da parte dei partecipanti, delle competenze specialistiche finalizzate all’avvio di attività imprenditoriali e di lavoro autonomo.
Possono presentare la propria candidatura: i soggetti pubblici che per statuto o istituzionalmente, sulla base di specifiche disposizioni legislative o regolamentari, svolgono attività di formazione, e/o attività di consulenza alle imprese; i soggetti privati che nell’oggetto sociale o nello statuto prevedono attività di formazione e/o attività di consulenza alle imprese; i soggetti del cosiddetto Terzo Settore che operano da almeno 3 anni nel settore di riferimento.
L’Avviso, pubblicato il 23 gennaio 2019, ha permesso, in base agli ultimi dati rilevati il 16 gennaio 2020, di selezionare e valutare idonei 105 soggetti attuatori.

Attività formativa e soggetti attuatori

L’attività formativa, coordinata dall’Ente Nazionale per il Microcredito, è realizzata attraverso il contributo dei soggetti attuatori preposti alla formazione d’impresa che hanno risposto all’Avviso Pubblico gestito dall’ENM e dall’Ente stesso selezionati.
Sono soggetti che operano nel settore della formazione per la creazione di impresa: enti di formazione, associazioni, fondazioni, università, consorzi, soggetti che si occupano delle tematiche sociali, di integrazione e di accoglienza, tutti con specifiche professionalità rivolte alla formazione d’impresa e che accompagnano, formano e orientano all’autoimprenditorialità. Una rete formativa che copre ciascuna delle regioni coinvolte.

Profilazioni raggiunte e corsi attivabili nelle regioni target

Secondo gli ultimi dati aggiornati al 16 gennaio 2020, grazie al lavoro finora svolto dai soggetti attuatori nella piattaforma appositamente costruita, sono presenti 2556 profilazioni di immigrati regolarmente presenti sul territorio delle Regioni target.
1334 le profilazioni eseguite in Campania, 401 in Puglia, 12 in Basilicata, 80 in Calabria, 729 in Sicilia
Conseguentemente, alla data indicata, facendo una proiezione, sono 29 i corsi attivabili nelle cinque regioni.

Principali obiettivi

Il progetto prevede la selezione e profilazione di un numero minimo di 10.000 immigrati. Tra i principali obiettivi specifici del progetto è prevista la formazione di 3.000 immigrati (suddivisi in circa 150 corsi), realizzata capillarmente sul territorio attraverso i soggetti attuatori selezionati. Al termine del primo modulo formativo almeno 2.500 migranti che avranno già conseguito l’attestato di formazione all’autoimprenditorialità avranno accesso al “pacchetto di accompagnamento all’autoimprenditorialità” per beneficiare di servizi specifici volti ad avviare una attività di impresa. L’output del Progetto è far loro ottenere l’acquisizione di un business plan personalizzato entro il mese di agosto 2021. Sono 50 i modelli di business plan messi a disposizione e che possono essere personalizzati a seconda della tipologia di start up.